In RilievoVita Divina

«CHI MI HA TOCCATO? → LA FORZA CHE ESCE DA GESÙ».

L’EMORROISSA!

Ora una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza alcun vantaggio, anzi piuttosto peggiorando, udito parlare di Gesù, venne tra la folla e da dietro toccò il suo mantello. Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata». E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male. E subito Gesù, essendosi reso conto della forza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo:

«Chi ha toccato le mie vesti?». I suoi discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che si stringe intorno a te e dici: “Chi mi ha toccato?”».

Egli guardava attorno, per vedere colei che aveva fatto questo. E la donna, impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. Ed egli le disse:

«Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ guarita dal tuo male».

Vangelo di Marco 5, 25-34

_________________________

 

TUTTO CIÒ CHE SI VUOLE, SI DEVE VOLER PERCHÉ LO VUOLE IDDIO.

Questa mattina il mio adorabile Gesù non veniva, onde ho molto aspettato, per poco tempo si è fatto vedere mi ha detto: “Come uno strumento musicale suona gradito all’orecchio di chi lo ascolta, così i tuoi desideri, le tue aspettazioni, i sospiri, le lacrime tue, suonano al mio udito come una musica delle più gradite. Ma per fare che scenda più dolce e dilettevole, ti voglio insegnare un altro modo, cioè, desiderarmi non come desiderio tuo, ma come desiderio mio, perché Io amo grandemente di manifestarmi teco. Insomma, tutto ciò che tu vuoi e desideri, volerlo e desiderarlo perché lo voglio Io, cioè, prenderlo da dentro Me e farlo tuo. Così sarà più dilettevole la tua musica al mio udito, perché è musica uscita da Me stesso.”

Poi ha soggiunto: “Tutto ciò che esce da Me entra in Me. Ecco perciò che gli uomini si lamentano che non ottengono così facilmente quello che mi domandano, perché non sono cose che escono da Me e non essendo cose che escono da Me, non sono così facili ad entrare in Me ed uscire poi per darsi a loro, perché esce da Me ed entra in Me tutto ciò che è santo, puro e celeste. Or, qual meraviglia se viene loro chiusa l’udienza se ciò che domandano non sono tali? Ecco perciò tieni tu bene a mente che tutto ciò che esce da Dio entra in Dio.” Chi può dire ciò che comprendevo sopra queste due parole? Ma non ho parole a sapermi spiegare. Ah! Signore, dammi grazia che possa domandare tutto ciò che è santo e che sia desiderio e Volontà tua, così potrai comunicarti con me più abbondantemente.

Luisa Piccarreta – LdC – III Vol. 9 Agosto 1900